in programma

dal 16 Marzo 2018
al 07 Aprile 2018

Back to Life in Iraq sbarca a Venezia

In mostra le opere di Matti al-Kanun sfregiate dall'Isis e il reportage di Emanuele Confortin

Venezia onora la sua tradizione di crocevia delle civiltà ospitando un evento eccezionale, dal forte contenuto artistico, simbolico ed etico. Grazie al giornalista Emanuele Confortin, che ne ha scoperto e raccontato la storia, giunge per la prima volta in Italia il pittore cristiano siriaco Matti al-Kanun, rifugiato iracheno, le cui opere sono state sfregiate dall’Isis. Uomo mite, lontano dai palcoscenici, Al Kanun rappresentava nei suoi dipinti soggetti di varia natura, spesso ispirati al Rinascimento italiano, inclusi temi a sfondo religioso ispirati alla sua identità cristiana. I jihadisti lo hanno costretto a fuggire dalla sua casa a Bartella, cittadina a maggioranza cristiana, e dopo l’inclusione nel Califfato di Abu Bakr al Baghdadi nel 2014, la casa è stata saccheggiata e le opere di Al Kanun deturpate dalla furia iconoclasta degli occupanti. La decisione di “ripararle” ha significato per l’artista un importante atto di reazione e di rinascita dalle ceneri di uno dei conflitti più cruenti dell’era moderna.

Nell’esporle prima all’Oratorio San Ludovico, spazio espositivo della associazione Nuova Icona, e poi sull’Isola di San Servolo, il Center for the Humanities and Social Change dell’Università Ca’ Foscari Venezia, Nuova Icona e San Servolo Servizi Metropolitani hanno deciso di collaborare a un progetto che vuole essere molto più di un fatto artistico. Accanto alle opere restaurate (tre nella prima installazione, tra cui una restaurata dagli studenti di Ca’ Foscari, e diciannove a San Servolo) vi saranno infatti le fotografie e un documentario realizzati da Emanuele Confortin in Iraq, al seguito della famiglia Al Kanun.

Il  16 marzo, a San Servolo, dalle 15.00 in poi, vari studiosi, alla presenza del pittore giunto appositamente dall’Iraq per la prima volta in Italia, daranno vita a una giornata di studi in cui si ripercorrerà l’intera storia. Dopo il racconto di Emanuele Confortin verrà illustrato il processo di restauro dei dipinti su cui sono rimaste simboliche cicatrici e si affronteranno temi quali i diritti umani e la questione della minoranza yazidi, la persecuzione dei cristiani in Medio Oriente, l’arte come forma di resistenza alla guerra.

I dipinti di Matti al-Kanun resteranno esposti (ingresso gratuito, orario 9.00/19.00 tutti i giorni) a San Servolo fino al giorno 7 aprile 2018.

al-kanun-pieghevole